Caricamento in corso...
 Canale 14 digitale terrestre in tutta la Sardegna 

I gravi problemi degli ospedali di Nuoro e Oristano sono stati al centro dei lavori della commissione consiliare sanità , presieduta da Domenico Gallus , che ha audito l’assessore della Sanità, Mario Nieddu, il commissario dell’Ats Massimo Temussi, il commissario della Assl di Nuoro, Gesuina Cherchi, Grazia Cattina, Direttrice del S. Francesco , Sergio Pili, direttore del San Martino, Antonio Cossu commissario della Assl di Oristano. Sulla situazione del San Francesco sono intervenuti i consiglieri regionali del nuorese che ieri hanno anche partecipato alla conferenza sociosanitaria alla presenza dei sindaci. Daniele Cocco (Leu), Pierluigi Saiu (Lega), Elena Fancello e Franco Mula (Psd’Az) hanno confermato la volontà di lavorare insieme per risolvere i problemi del San Francesco. Cocco ha illustrato i gravi problemi dei reparti di Emodinamica, Angiografia, Breast Unit, Ortopedia, Malattie infettive, ma anche il ricorso alle figure di facenti funzioni: 20 su 28. Saiu ha chiesto un prospetto concreto della dotazione organica degli ospedali sardi, affinché sia evidente dove sono le carenze di personale medico e sanitario più gravi e si inizi da quelle emergenze. La richiesta di avere un quadro della situazione di tutti gli ospedali è stata ribadita anche da Gianfranco Ganau (capogruppo del Pd) e dalla consigliera Fancello che ha chiesto anche la nomina dei medici di famiglia che mancano in comuni come Oliena. Il commissario Temussi ha confermato che sono aperte oltre 200 selezioni di personale e che più di questo non è possibile fare. Gli ospedali hanno perso negli ultimi sei anni quasi 800 medici che non sono stati sostituiti, e nel 2021 andranno in pensione altri 880 medici- ha ricordato Temussi che ha parlato dell’eccellente lavoro svolto dai reparti del San Francesco seppur con tantissime difficoltà. Sui problemi di Emodinamica ha affermato che sono in arrivo da Sassari due medici in convenzione. Temussi ha garantito che l’Ats sta dando la priorità agli ospedali di Nuoro e Oristano per la selezione del personale. Per l’assessore Nieddu l’unità politica tra i rappresentanti dei territori è un elemento molto importante e ha annunciato che chiederà in Conferenza Stato-Regioni che la quota 100 possa essere sospesa per il settore sanità per evitare di perdere altri 880 medici.

Più letti

  • Settimana

  • Mese

  • Sempre

Cookies make it easier for us to provide you with our services. With the usage of our services you permit us to use cookies.
More information Ok
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter
Seguici su YouTube